sito Appunti d'arte tra le mie pagine

giovedì 22 gennaio 2015

________________________________RESTAURO A RISCHIO

A rischio la "RESURREZIONE"
 di PIERO DELLA FRANCESCA

L'affresco conservato presso il Museo Civico di Sansepolcro - Arezzo, necessita di un urgente intervento di restauro che, fortunatamente, sarà quasi totalmente finanziato da un privato!! 


















Durante l’intero periodo del restauro, presumibilmente 18 mesi di lavoro"La Resurrezione" resterà visibile al pubblico. Il cantiere sarà allestito con un ponteggio innovativo e funzionale che consentirà al pubblico di seguire i lavori di restauro e ammirare, nel work-in-progress, il capolavoro di Piero della Francesca.





mercoledì 22 gennaio 2014

__________________________________ TECNICHE PITTORICHE

RICETTE PER "ASISO

     su Carta o Pergamena


ovvero “Stucco” per la Doratura composto da “Gesso cotto”  
 precedentemente tenuto in acqua per diversi giorni, scolato e fatto asciugare

tratte da: Cennino Cennini ed un Trattato del XV° sec.


Iniziale moderna eseguita in Asiso e foglia d'oro 23 kt

********************

  • Gesso sottile (non ben specificata la quantità) ben setacciato + un’aggiunta di 4 parti di Bolo armenico . Macinare finemente con acqua su pietra di porfido e far seccare tale poltiglia.
  • Usarne quanto serve rimacinando con  Colla di coniglio precedentemente ammollata, sciolta a bagnomaria e poi diluita alquanto. Aggiungere tanto miele (o zucchero) quanto necessita (all’assaggio l’impasto deve essere appena dolce).

venerdì 10 gennaio 2014

_________________________ MITOLOGIA IN MOSTRA



PRESENTAZIONE DI UN TESTO MANOSCRITTO SU:

"IL GIARDINO DELLE ESPERIDI"



Nel lontano, estremo Occidente                                  
ovvero nel paese degli Iperborei,
sulle pendici cintate dei “giardini” del monte d’Atlante,
vivevano, fra dolci canti e fluttuanti melodie,
le figlie del famoso titano chiamate “Esperidi”
perché Figlie del dì volto al tramonto:

Egle, Erizia e Esperaretusa.


Nel ruolo di custodi di Riti Magici e Segreti
stavano a guardia del prezioso albero dei Pomi d’Oro
regalato da Gea dea della terra ad Era regina del cielo
che avea ordinato al Serpente dalla cento teste, Ladone
di rimanervi costantemente arrotolato lungo il tronco
per evitare che le stesse Esperidi ne cogliessero i frutti.


Ma l’estraneo Eracle, non potendovi accedere,
con una freccia ben scoccata al di là delle mura,
uccise il serpente; convinse poi Atlante a raccoglierne i preziosi frutti
da cui nacquero così l’Arte, la Musica e il Teatro,
preziose Muse di un "mito" che ritorna sempre, all’Infinito.


I POMI D'ORO
VEBER - particolare da  Adamo ed Eva - A.Durer 
- acrilico pastelli ad olio e oro 23kt (triplo strato)



______________________________________________________________________________


LA VITA come velo fluttuante
    



IL DIPINTO IN FASE DI ESECUZIONE:




 
           LE PAROLE SEGRETE            
GLI SPECCHI sdoppiati
LE GEMME come frutti dell'Albero d'Oro

RIFLESSI DI UN MITO
VEBER - olio su tavola collage e oro 23kt


Testo in Oro inscritto nell'opera: "Riflessi di un Mito"

Guarda lo specchio 
dove scorre la vita,
ascolta i sussurri e le voci,
pensa al bagliore dei colori
che trasportano lontano ...

... riguarda lo specchio 
dove scorre la vita,
parole segrete che tornano alla mente,
pagine scritte di un mito
che ritorna all'Infinito.
                                                -Lady Davina M.Stingher-




Unico pezzo originale successivamente eseguito  
dall'amico Maestro calligrafo Fernando Lembo 
GABBIANO NOVA SCRIPTORIA, Amalfi - giugno 2013


GUARDA LO SPECCHIO
testo scritto su Carte Fabriano F/A2  - grafia: Rotunda Bastarda
Italica (X°sec.) -
eseguito a punta di penna:  Brause nib 1,6  ed  Italian nib 0.6 mm
-  inks & clolours Herbin's  + Gold Leaf 23,4 kt -



_____________________________________________________________________________________________



Alcune FOTO della Mostra all'Atelier Capricorno:









domenica 29 settembre 2013

_________________________________ PIGMENTI ANTICHI

La preparazione delle Terre Naturali




Una vacanza all'isola d'Elba mi ha stimolato nella ricerca delle sue famose OCRE gialle e rosse.
Invogliata dalla mia passione per le Tecniche Antiche utilizzate nel Medioevo, ne ho raccolte un poco, qua e là, nelle vecchie miniere, per il mio personale utilizzo.

La ricerca è stata accattivante ma la fase di macinatura e pulitura è stata AVVINCENTE!!!!

Ne ho ottenuto uno SPLENDIDO PIGMENTO da utilizzare nella Tempera all’uovo.

QUI DI SEGUITO espongo la sequenza delle varie fasi dell’operazione, non certo facile e piuttosto elaborata ma talmente coinvolgente che proseguirò certamente nell’intento di macinare anche altre pietre più dure tipo: 


Malachite e Crisocolla  
(tutte e due trovate sempre all’Elba, ma in modesta quantità per mancanza di tempo)
e frammenti di Azzurrite e Lapislazzuli 
(acquistati da un esperto di minerali).





Alcune Ocre rosse e gialle frantumate ed in parte macinate


martedì 21 maggio 2013

_______________________RICHARD DADD MASTER-STROKE


THE FAIRY FELLER




Nicholas Tromans, autore di Richard Dadd: the Artist ane the Asylum , 
racconta il più famoso dipinto di Dadd Master-Stroke di The Fairy Feller  - 
acquisito dalla Tate Gallery di N.Y..






Richard Dadd era un giovane pittore britannico di grandi promesse che cadde nella malattia mentale durante un Tour nel Mediterraneo nei primi anni del 1840. 





Ha trascorso più di 40 anni nei manicomi, per morire poi a Broadmoor nel 1886, ma non ha mai abbandonato la sua vocazione: la produzione di dettagliati acquerelli "mesmerisingly" e dipinti ad olio di cui Master-Stroke The Fairy Feller è oggi il più noto. 






La sua storia pone in effetti  la questione di ciò che accade a qualsiasi genio dopo la morte:          prima ammirato, a lungo dimenticato, ma poi infine riscoperto.

mercoledì 23 gennaio 2013

________________________TAVOLE BOTANICHE:

La Pittura Botanica e Naturalistica


L’approccio artistico alla Storia Naturale nasce da tradizioni culturali antichissime 
ricche di simboli legati al passato che influenzarono profondamente gli artisti rinascimentali 
i quali osservavano con occhio stupito il complesso ed affascinante mondo 
della Flora e della Fauna, tanto da riproporli spesso come elementi naturalistici 
legati alla Creazione e all’Armonia del Mondo.


Questi lavori minuti ed accurati divennero parte integrante dell’opera ed aprirono le porte all’affascinante fenomeno del Gotico Internazionale.



Legati alle concezioni teologiche e religiose dell’epoca ma anche volutamente a messaggi 
“ermetici ed esoterici” 
(ora pressoché incomprensibili poiché se ne è persa nel tempo la chiave di lettura)
 hanno coinvolto grandi pittori come 
Durer, Leonardo, Botticelli, Fuchs, Pisanello, Michelino da Besozzo, ecc. 
che ci hanno lasciato importanti “studi di Natura”.


Tappeti fioriti popolati di pavoni e farfalle, sfondi elaborati con motivi vegetali ed essenze arboree, 
piccoli giardini recintati (Hortur conclusus), forme stilizzate e squisitamente decorate
 hanno suggerito una nuova formazione artistica che dal XV° sec.